Come Creare un sito WordPress in 10 minuti: Guida per fare sito gratis

Guida che spiega come realizzare facilmente un sito web in WordPress

Creare un in WordPress è molto semplice e veloce (ci vogliono davvero 10 minuti per configurarlo e metterlo online!), ma non ho ancora trovato una guida che spiega fare un blog in WordPress partendo dal principio. Serve infatti innanzitutto uno spazio virtuale (hosting) dove inserire le cartelle e i file del sito, e un nome a dominio. Il resto si può fare con pochi click grazie all’integrazione di cPanel con WordPress.

Entrambe le risorse necessarie (spazio hosting e nome a dominio) sono acquistabili da diversi servizi online. In questo articolo prenderemo come esempio netsons, con il quale mi trovo bene e ho diversi siti. Si può acquistare uno spazio di hosting su netsons.com



Link per Acquistare Hosting e Dominio


Trascrizione del video “Come fare un sito in WordPress in 10 minuti”

Ciao a tutti, io sono Eugenio, mi occupo di seo e realizzazione siti web, e in questo video vedremo come realizzare un sito web in wordpress in 10 minuti (e in maniera semplice).

Innanzitutto per avere un sito web abbiamo bisogno di uno spazio virtuale all’interno del quale inserire tutti i file e le cartelle del nostro sito web.

1. Acquistare e Configurare Spazio Hosting e Nome a Dominio

Prendo come esemio il fornitore di spazio hosting che si chiama Netsons.com Potete trovare il link in basso sotto il video.

  • Innanzitutto ho bisogno di registrarmi, ovviamente, e posso farlo tramite la freccetta accanto al pulsante “accedi”, “nuovo utente”, “registrati”. Inserisco tutti i miei dati, (io ho già un account con Netsons, quindi inserisco direttamente il login) ed effettuo l’accesso.
  • Una volta effettuato l’accesso posso andare direttamente nella sezione “acquista”, e successivamente nella sezione “hosting“, in quanto insieme all’hosting viene regalato anche il nome a dominio per un anno.
  • Quindi faccio “aggiungi e configura“, “registra un nuovo dominio su Netsons“, inserisco il nome a dominio (in questo caso lo chiamiamo esempiotutorialwordpress.it, clicco su “vai”, e dopo qualche secondo dovrebbe dirmi se il dominio è disponibile.
  • Nel caso non lo fosse se ne può selezionare uno tra quelli consigliati oppure ripetere la ricerca. In questo caso il dominio esempiotutorialwordpress.it è libero ed è stato inserito nel carrello, quindi clicco su “conferma” (in basso ci sono altri suggerimenti) e mi dice che il costo totale è di 15 euro + iva annuale.
  • Posso scegliere anche la fatturazione mensile, ma spendendo qualcosa in più. In questo caso io seleziono “Annuale”, scelgo se voglio altri servizi aggiuntivi quali “indicizzazione seo di base”, o “seo avanzata”, o “seo deluxe”, proseguo con l’ordine, e il sito mi rimanda al pagamento.
  • In questo caso non effettuo il pagamento in quanto ho già dei domini sui quali possiamo fare delle prove, quindi blocco il video e riparto tra un minuto.

2. Capire dall’interno il CPanel – Installare WordPress

Eccoci. Una volta nell’area clienti di Netsons, posso andare direttamente su “hosting” o al lato del menu “gestione servizi” – “gestione hosting”, scegliere l’hosting che ho acquistato, cliccare sulla “chiave inglese”, e vengo reindirizzato verso la pagina del mio spazio di hosting.

  • Per farlo devo cliccare su “cpanel” ed ecco che il server mi farà entrare all’interno della mia area di hosting, chiamata cpanel. (nota: è possibile accedere al pannello di controllo del proprio spazio hosting anche digitando “cpanel.” e poi l’indirizzo del dominio acquistato, ad esempio cpanel.esempio.it Serviranno comunque le credenziali di accesso fornite dal provider dal quale si è acquistato lo spazio hosting)
  • Da qui, andando in “WordPress“, posso installare l’applicazione di WordPress sul mio dominio.
  • Clicco su “installa applicazione” e mi rimanderà a questa schermata dove posso selezionare il nome a dominio sul quale voglio installare l’applicazione di WordPress, il percorso all’interno del quale WordPress sarà installato (ovvero la cartella nella quale WordPress viene installato), la versione (qui si consiglia di lasciare tutto com’è), scelgo un nome di admin e una password, inserisco il mio indirizzo email, dò un titolo e un messaggio per il mio sito o per il mio blog (cosa che può essere fatta anche in seguito) e alla fine clicco su “installa“.

Questa azione mi ha permesso semplicemente di installare il template di WordPress sul mio sito web o blog. Quindi adesso, una volta installata l’applicazione, andando a digitare il nome del dominio, il sito dovrebbe essere disponibile.

3. All’interno di WordPress: amministrazione, creare post e pagine

In questo caso prendo in esempio un dominio a caso tra i miei e vediamo che in questo caso ho già un post, altrimenti il sito o il blog sarebbe vuoto.

  • La bacheca interna, quindi la pagina di amministrazione di WordPress, è una pagina simile a questa. Da qui ho la possibilità di scrivere nuovi articoli, aggiungendo uno nuovo, o visualizzare gli articoli presenti, posso e modificare categorie e tag.
  • Qui posso vedere tutti i miei articoli, all’interno di una categoria, con la data in cui è stato pubblicato.
  • Nella sezione media posso aggiungere nuove foto o nuove immagini.
  • Sempre nella sezione articoli, invece, aggiungendo un nuovo articolo, viene qui spiegato come fare a creare un nuovo articolo.
  • Si inserisce il titolo, “titolo di prova”, si inserisce il contenuto, “contenuto di prova”, che può essere formattato inserendo il grassetto, il corsivo, il barrato, gli elenchi puntati e numerati, e altre funzionalità, si può anche ampliare la barra degli strumenti, e quindi attraverso questo semplice editor visivo è possibile modificare e creare i contenuti.
  • Da qui posso accedere a nuove funzionalità, come ad esempio la discussione, che mi permette di fare o non fare inserire i commenti, posso anche scegliere la categoria, posso scegliere dei tag, se voglio taggare le mie pagine con delle parole specifiche. Scelgo un immagine in evidenza, che a seconda del template di WordPress può essere mostrata all’inizio dell’articolo, e clicco su pubblica. Cliccando su “pubblica” mi creerà un nuovo articolo che verrà inserito nella homepage del sito.

Altre funzionalità di WordPress sono quella delle pagine, che funzionano allo stesso modo degli articoli, ma sono pagine quindi non hanno una categorizzazione simile a quella degli articoli.

La sezione dei commenti attraverso la quale è possibile gestire i commenti.

E’ semplice! Si può scegliere l’aspetto, quindi aggiornare comprando oppure installando un nuovo tema gratuito attraverso la funzione “temi” – “aggiungi nuovo”, e si sceglie un tema che è di nostro gradimento per poi installarlo.

Si può poi anche personalizzare il tema del blog, inserendone quindi il titolo, il sottotitolo (o motto), immagine della testata ed eventualmente immagine di sfondo, un menu, e i widget che sono degli strumenti all’interno della barra laterale, e scegliere se si vuole una pagina iniziale statica selezionandola tra quelle create oppure la pagina sezione degli articoli che viene aggiornata ogni volta che un nuovo articolo viene creato.

Posso anche andare nella sezione widget, che appunto mi permette la customizzazione della barra laterale, posso inserire gli articoli recenti, le categorie, un menu personalizzato, etc., la barra di ricerca, del testo in html generico, e altre funzionalità.

Poi ho la sezione del menu, dalla quale posso creare appunto il menu del sito, scegliendo i link che vanno a stare sul menu tra le varie pagine o categorie che già sono state create.

Posso modificare la testata, lo sfondo del mio blog, e poi c’è l’editor per chi sa, un minimo almeno, di programmazione.

La sezione plugin è anche molto importante per gestire il blog. Da qui posso installare dei plugin che mi possono servire a diversi scopi. Esistono ad esempio dei plugin, andando su “aggiungi nuovo“, posso ad esempio trovare dei plugin per una slider, piuttosto che dei plugin per controllo spam, piuttosto che tantissimi altri tipi di plugin che servono ognuno ad uno scopo ben preciso.

Posso gestire gli utenti del sito, oppure nelle impostazioni del blog posso scegliere ad esempio “permalink”, come devono essere mostrate le url della pagina. Di default WordPress lascia questa configurazione con dei parametri url, è consigliabile inserire una struttura con nome articolo oppure una struttura personalizzata con “categoria – nome articolo” o altre.

Questo è un po’ tutto per quanto riguarda creare un blog o un website in WordPress, abbiamo visto come in 10 minuti è possibile realizzare un sito online e funzionale.

Grazie per avermi seguito. Il link per la pagina di Netsons dove poter acquistare spazio hosting e anche dominio in omaggio per il primo anno potete trovarlo con con il link in basso alla fine del video. Grazie e alla prossima

4 risposte a “Come Creare un sito WordPress in 10 minuti: Guida per fare sito gratis”

  1. Ottimo articolo, anche io consiglio netsons perchè è sempre meglio avere un hosting italiano, anche per la facilità di comunicazione quando hai bisogno di supporto, Trovo molto comodo il fatto che permetta l’installazione in automatico di WordPress e altri C.M.S semplificando la vita a parecchi webmaster

    1. Ciao, grazie del commento. Si, Netsons è buono soprattutto per chi vuole aprire un sito in Italia. Ovviamente esistono anche molti altri servizi di hosting validi, come ad esempio Godaddy oppure Hostgator.

  2. Realizzare un sito internet dal lato tecnico è ormai una cosa facilissima, WordPress è uno dei cms più famosi che vanta un’infinità di estensioni utili. Ma per creare un sito web efficiente è necessario fare un lavoro di progettazione e studio della concorrenza. Questo richiede tempo, ma aiuta a realizzare un struttura ben fatta e quindi il posizionamento sui motori di ricerca. Senza questa fase si rischia di dover intervenire nella riprogettazione della struttura del sito con innumerevoli perdite di tempo e mancati guadagni.

    Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *