Cos’è Google AdSense?

Sei curioso di sapere come funziona e che cos’è Google AdSense? Allora, ti trovi nell’articolo giusto. A breve saprai molto bene come funziona questo lato di Google.

Cosa monetizzare un sito con Google AdSense?

SEO, Cosa significa AdSense

La monetizzazione derivante dal tuo sito web può essere una valida opportunità per ottenere entrate extra. Tuttavia, solo a fronte di traffico sufficiente, i guadagni possono dimostrarsi lauti. google Adsense, tal proposito, si conferma un’ottima fonte con cui ottenere introiti degni di nota mediante l’inserimento automatizzato di inserzioni pubblicitarie all’interno del tuo sito internet o del tuo blog.

A partire dal 2003, la multinazionale di Moutain View consente ai blogger e ai webmaster di trarre profitto attraverso la pubblicazione di contenuti. Tutto questo senza che tu debba metterti in contatto con gli inserzionisti. Se perciò hai un sito web o un blog, perché non provare a monetizzare con Google Adsense? Tieni conto che vi sono una miriade di inserzionisti interessati a vendere online e a sfruttare al meglio il tuo portale per poter contare sulla visibilità dei loro annunci pubblicitari.

Tu guadagnerai in base ai click effettuati dai visitatori. Google ti pagherà proprio per questo tuo ruolo strategico di anello di congiunzione tra la domanda, rappresentata da chi naviga su internet, e dall’offerta, costituita dalle imprese inserzioniste.

Prima di definire meglio le caratteristiche di Google Adsense, è doveroso evidenziare che il processo di monetizzazione avviene in maniera graduale e che necessita di know-how specifico.

Google AdSense: definizione e significato

SEO, Google AdSense: definizione e significato

In sintesi, Google Adsense viene definito da ”Big G” come un servizio semplice e gratuito che ti consente di guadagnare soldi, mostrando banner pubblicitari, collocate accanto ai contenuti postati online. Grazie a Google Adsense, i publisher possono generare entrate tramite i contenuti creati: ai visitatori dei loro siti web, in genere, vengono mostrati annunci pubblicitari coinvolgenti e grosso modo in linea alle loro intenzioni di ricerca. Affinché i visitatori approdino al tuo sito web, i contenuti devono essere ottimizzati in ottica SEO.

Come funziona Google AdSense?

SEO, Come funziona Google AdSense

In qualità di publisher, puoi registrarti a titolo gratuito a Google Adsense. Requisito fondamentale è il possesso di un account Google. Per avere buone chance di accettazione, conviene che il tuo sito web abbia un certo traffico web e diversi contenuti già postati: questo vuol dire all’incirca una trentina o una quarantina di pagine web. Iscriversi a Google Adsense con un sito o con un blog ancora allo stato embrionale non si rivelerebbe una scelta saggia, visto che con ogni probabilità la proposta di affiliazione verrebbe respinta da Google.

Nel giro di 48 ore, ti viene comunicato l’esito della tua richiesta di iscrizione. In caso di feedback positivo, avrai la possibilità di inserire le inserzioni automatizzate nel tuo portale, praticamente sin da subito. Google si occuperà di selezionare gli annunci pubblicitari in base alla tematica trattata nei contenuti pubblicati e in relazione alle query digitate dagli utenti. La logica di funzionamento è quella dell’asta.

Gli inserzionisti, desiderosi di vendere i loro prodotti e i loro servizi, si servono degli annunci pubblicitari, sperando che i visitatori del tuo sito web ci clicchino su. Come fa Google Adsense a stabilire chi è che pubblicherà l’annuncio? Semplice! A spuntarla sarà chi è disposto a investire di più, formulando un’offerta migliore. La decisione d Google viene effettuata in millesimi di secondi.

Nel ruolo di publisher, puoi decidere dove pubblicare i banner pubblicitari, stabilire le categorie consentite, bloccare le pubblicità indesiderate, perché magari non in linea alla tematica trattata, e infine personalizzare il layout delle inserzioni. I colori andrebbero adattati allo stile del tuo sito web. Devono quasi fondersi con i contenuti testuali, senza apparire minimamente invasivi.

Ricorda che la pubblicità di Google Adsense non è nulla di diverso da un semplice approfondimento che gli utenti vogliono fare, nel corso della lettura dei contenuti postati. Nessuno si collegherebbe mai a un sito internet con la mera intenzione di visualizzare le inserzioni pubblicitarie. A tal proposito, bisogna evidenziare come svariate siano le tipologie di annunci pubblicitari utilizzabili tramite Google Adsense. In genere, gli annunci di testo, quelli maggiormente in uso, sono anche quelli meglio retribuiti. Vi sono poi annunci display, unità di link, annunci rich media e contenuti con corrispondenza.

Come si guadagna con Google AdSense?

SEO, Come si guadagna con Google AdSense

Purtroppo, non è possibile stabilire con assoluta precisione a quanto ammontano gli introiti di un webmaster o di un blogger che ha deciso di monetizzare con il suo portale, ricorrendo a Google AdSense. Diversi sono, infatti, i fattori in ballo che possono incidere positivamente o negativamente sulle entrate effettive: la tipologia degli annunci pubblicitari, la pertinenza tra la tematica del post e della pubblicità, il numero di visitatori, il tempo di permanenza medio sulle pagine web del sito, il prezzo pagato dagli inserzionisti sono esempi calzanti al riguardo.

Le tue entrate da publisher dipendono, di fatto, anche dalla competizione che si genera fra inserzionisti. Anche la linguadi pubblicazione dei contenuti si rivela fondamentale: in questo senso, postare articoli in inglese si rivela una mossa vincente per un discorso di diffusione. Oltreoceano ci sono stati publisher che hanno incassato centinaia di migliaia di euro al mese. Tutte documentate.

Google, per garantirti una migliore user-experience, si limita semplicemente a selezionare le inserzioni di advertising digitale di chi intende offrire di più. In qualità di blogger o i webmaster, Google Adsense ti fornisce in maniera chiara e dettagliata tutta una serie di statistiche uniche, dal numero dei click sugli annunci pubblicitari al numero di visualizzazioni delle inserzioni, dai ricavi giornalieri a quelli settimanali, da quelli mensili a quelli totali. Più click redditizi ci sono, tanto più i tuoi guadagni si riveleranno lauti.

Ad esempio, supponi di avere un sito web dedicato al mondo della moda. Il costo medio di un click per una keyword a coda lunga contenente la parola ”moda”, come ad esempio ”giacca alla moda”, ”pantalone alla moda” è pari a 2 euro per gli annunci testuali. A fronte di 30.000 visite mensili e di un CTR dell’1%, nel complesso buoni dati in entrambi i casi, è possibile asserire che per ogni 30.000 visitatori, 300 cliccheranno sui tuoi annunci. Siccome il 68% degli introiti va a te e il 32% spetta a Google, per ognuno dei click da 2 euro, otterrai 1,36 euro. Il guadagno stimato per ogni mese sarà pari a 408 euro (1,36 euro x 300 click).

– Cifra minima di pagamento Google AdSense

E una volta incassati i primi soldi con Google Adsense? In genere, Google invia un pagamento via bonifico bancario o tramite assegno. Tuttavia, la soglia di pagamento con Google Adsense corrisponde a 100 dollari, vale a dire a 70 euro. Ragion per cui, per un blog o per un sito web di dimensioni contenute, bisogna attendere un bel po’ di tempo, prima di battere cassa.

Per ulteriori informazioni puoi consultare il link Google inerente a Google AdSense.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.