Guida a Google AdWords: Come Funziona e Come Ottimizzare una campagna PPC

Migliorare il ROI di una Campagna di Pubblicità Online con AdWords

Google Adwords è una potente piattaforma di Digital Marketing che può aiutare un’attività (online) ad arrivare alla prima pagina di Google in poche ore.

Infatti, al contrario della seo, che ha bisogno di un lungo processo di ottimizzazione per permettere ad un sito di arrivare al top di Google e degli altri motori di ricerca, e di avere un ritorno nel medio-lungo periodo, Adwords permette all’inserzionista di raggiungere i primi 3 risultati di Google in poco tempo.

Però in Italia tale consapevolezza non è ancora pienamente acquisita o compresa, in quanto sono molti i clienti e gli utenti che pensano e preferiscono la seo all’ advertising online in quanto pensano in questo modo di ridurre le spese e di restare in prima pagina per molto più tempo.

In Italia sembra che a puntare sulla pubblicità PPC siano infatti, oltre alle grosse aziende, soltanto gli inserzionisti che conoscono bene le piattaforme di advertising (AdWords o Bing, ma anche Facebook o Linkedin) oppure le agenzie di web marketing che si occupano della promozione di servizi o prodotti per i loro clienti. Resta però il fatto che grazie ad AdWords è possibile posizionare il proprio sito al primo posto di Google Search in poco tempo.

In realtà la piattaforma di Google AdWords permette, se sfruttata al meglio, di ottenere un alto ritorno sugli investimenti, aumentando le conversioni del proprio sito web e quindi le vendite.

Ecco quindi spiegato il funzionamento dello strumento di Google per la pubblicità online e come raggiungere i primi risultati in Google Search in poco tempo.

Google Adwords funziona in maniera semplice: si pagano i click effettivi che gli utenti fanno sugli annunci pubblicitari (CPC o PPC – Pay Per Click – Ovvero costo per ogni click ricevuto) che vengono ad essi mostrati (impressioni).

A volte è possibile anche pagare per impressioni (ovvero CPM, costo per mille impressioni ricevute) oppure per “Azione” o conversione (CPA, costo per azione, ovvero si paga ogni volta che un utente converte secondo i parametri stabiliti dall’inserzionista, esempio una vendita) ma questi altri metodi, più complessi, non verranno affrontati in questa guida ad Adwords che affronta soltanto la pubblicità su Google Search (ed i partner di ricerca Google).

Quello della pubblicità a pagamento è un mercato in continua crescita, oltre ad essere (per Google) la principale fonte di guadagno. Capendo bene il funzionamento di si possono ottenere da questa piattaforma pubblicitaria moltissimi vantaggi, ed è possibile battere i propri competitors in maniera effettiva, avendo in mano dati importanti per l’analisi dell’andamento della propria campagna pubblicitaria.

Creare un account con Google AdWords è abbastanza semplice, ed è quindi semplice ed intuitivo, oltre che rapido, creare la prima campagna pubblicitaria.

Ma, essendo una piattaforma molto complessa, non è semplicissimo avere padronanza completa di Adwords e gestirlo nella maniera più efficiente, evitando spese inutili.

In un ambiente dove si paga soltanto per i risultati ed i click che si ottengono, infatti, è importante gestire al meglio le proprie campagne, selezionando il target più appropriato, per evitare di spendere inutilmente in click che non genererebbero ritorno e conversioni, e impostando nella maniera più efficiente possibile la propria pubblicità PPC.

Per vedere un ritorno sugli investimenti in Adwords, è quindi importante prendersi cura di tutti i passaggi necessari, dalla creazione dell’account fino alla gestione delle campagne PPC.

Ecco quindi cosa fare e cosa non fare con Google AdWords

Essendo Google una piattaforma molto complessa, è importante seguire alcune semplici regole, che assicurano una migliore gestione dell’account e, possibilmente, un migliore ROI sulle proprie campagne PPC.

Trovare e raggruppare le parole chiave giuste
Conoscere i propri competitors
Effettuare test sulle posizioni degli annunci
Effettuare puntate sul proprio brand
Scegliere i giorni della settimana e le ore del giorno nei quali mostrare i propri annunci

Raggruppare bene e gruppi di annunci

 

Una volta creato un account con Adwords, bisogna creare la prima campagna pubblicitaria. Adwords è configurato in modo da poter configurare e gestire diverse campagne e diversi tipi di campagna. Per ogni campagna si possono quindi raggruppare diversi annunci e parole chiave suddividendoli in gruppi di annunci.

Un errore comune a molti inserzionisti è quello di raggruppare tutte le parole chiave ed annunci in un singolo gruppo di annunci, senza dividerli in gruppi di annunci appropriati, mostrando quindi in questo modo lo stesso annuncio allo stesso target.

Questo è un errore comune che spesso un seo Specialist oppure i marketing manager commettono per risparmiare tempo, errore che può portare a spendere inutilmente il proprio budget mostrando annunci fuori target, in quanto si impostano parole chiave ed annunci uguali per lo stesso target, anche se con pagine di destinazione diverse.

AdWords funziona in modo che che l’annuncio che viene mostrato dovrebbe corrispondere esattamente alla parola chiave che viene cercata dall’utente target. Più il testo dell’annuncio si avvicina alla parola chiave, più alta è la possibilità che l’utente faccia click sull’annuncio e quindi, alla fine, effettui un ordine o una conversione.

Non dividendo le parole chiave in gruppi di annunci separati e specifici per ogni insieme di parole chiave, tutti gli annunci verranno mostrati simultaneamente con un set di parole chiave. Questo non permette di modificare l’annuncio per renderlo il più corrispondente possibile alle parole chiave che vengono cercate.

Più si suddividono gli annunci e le parole chiave in singoli topic semantici, più semplice diventa monitorare le campagne e quindi di conseguenza ottimizzarle al meglio.

La soluzione migliore è quella di non utilizzare più di 20 parole chiave per gruppo di annunci. E’ possibile anche utilizzare più parole chiave per gruppo di annunci, ma utilizzare oltre le 20 keywords è sintomo che l’annuncio potrebbe non rispecchiare al meglio le parole chiave che vengono cercate, o potrebbe non avvicinarsi alle parole chiave il più possibile.

Conoscere approfonditamente i propri competitors

 

Un altro errore comune quando si fa pubblicità online (con AdWords come con altre piattaforme di pubblicità online, quale Bing Ads) è quello di non conoscere e analizzare gli annunci che i propri competitors stanno utilizzando.

E’ importante infatti conoscere gli avversari con i quali ci si sta contendendo il primo posto nella classifica, e con i quali si compete nelle aste degli annunci. E’ necessario sapere quali parole chiave i propri competitors stanno utilizzando, e quali pagine di destinazione utilizzano.

In particolare è importante mettersi nella posizione dei propri clienti e cercare con le parole chiave che loro utilizzano, osservando gli annunci per vedere su quale annuncio farebbero click più spontaneamente o sarebbero più propensi a cliccare.

Una volta fatto click sull’annuncio, è bene focalizzare sulla loro pagina di destinazione, comparandola con la propria. E’ fatta meglio? Cosa ha la loro landing page che la propria non ha? Come potrebbe essere migliorata la nostra, aggiungendo ciò che manca? E’ importante quindi rispondere a queste domande, prendendo alcuni appunti per capire come si può migliorare la propria landing page per renderla più efficace di quella dei competitors.

E’ bene creare una lista di azioni da intraprendere e che potrebbero portare beneficio. Una buona pagina di destinazione dovrebbe avere alcune caratteristiche, che verranno analizzate in un altro post.

E’ inoltre utile dare uno sguardo ed analizzare gli annunci dei propri competitors, per capire cosa si potrebbe utilizzare dai loro annunci e dai loro testi. Quindi, esaminare le pagine di destinazione dei competitors per capire come si può sviluppare e o migliorare la propria landing page e i propri annunci. E’ bene effettuare dei test ai testi degli annunci basandosi sui dati raccolti in precedenza, e quindi utilizzare le nuove pagine di destinazione realizzate testandole insieme con le precedenti. E’ quindi necessario continuare a migliorare ed effettuare test fino a quando non si migliora il proprio tasso di conversione.

Testare performance e posizione degli annunci

 

E’ importante, quando un’ agenzia seo (& Web Marketing) oppure gli inserzionisti in generale realizzano una campagna di pubblicità online, testare e controllare periodicamente le posizioni dei propri annunci, per essere sicuri che questi stiano performando nel migliore dei modi.

Se l’obiettivo primario è quello di far conoscere il proprio brand attraverso campagne di branding, è una buona regola essere sempre nelle prime 2 posizioni degli annunci. Se invece l’obiettivo principale è quello di ottenere risultati e quindi conversioni, ogni tanto sarebbe utile essere in posizioni più basse (posizione 3 e 4).

Questo perché di solito le persone fanno subito click sui primi due annunci che vedono sul loro schermo. e sono portati via da tali annunci. Quindi potrebbero fare click su questi annunci sia nel caso siano davvero interessati, ma anche quando in realtà non lo sono del tutto. Invece, le posizioni 3 e 4 di Google Ads sono quelle sulle quali l’utente non fa spesso click, in quanto non sono la prima cosa che l’utente nota. Quindi, per fare click sugli annunci in posizione 3 e 4, l’utente dev’essere davvero interessato a ciò che sta cercando, e fa click perché non ha trovato altrove ciò di cui ha bisogno.

In questo modo, essere alle posizioni più in basso, potrebbe essere una strategia utile: infatti soltanto coloro i quali stanno davvero cercando (e quindi sono seriamente interessati) qualcosa che ancora non hanno trovato, faranno click su un annuncio visitando infine il proprio sito. A volte (e comunque non di rado) essere nella terza posizione, oppure anche in posizioni inferiori come nella barra laterale degli annunci, può portare a risultati migliori e a tassi di conversione più alti.

Ovviamente effettuare dei test è di primaria importanza per capire quale posizione degli annunci funzioni meglio e porti i migliori risultati al proprio business online. A volte essere in prima o seconda posizione può funzionare bene, altre volte invece la terza posizione oppure le posizioni inferiori possono portare un ritorno sugli investimenti maggiore. E’ quindi necessario fare dei test per capire quale posizione funzioni meglio, e ciò può essere fatto aumentando o diminuendo le offerte CPC.

Puntare sul proprio brand

 

Molti inserzionisti, considerando il fatto che, già grazie alla seo (oppure per caso), il loro brand è posizionato tra i primi risultati dei motori di ricerca, commettono l’errore di non puntare sul proprio brand, pensando che non ne abbiano bisogno.

In realtà è molto probabile che, se non si fanno offerte piazzando annunci pubblicitari sul proprio brand, i nostri competitors lo facciano al nostro posto, in questo modo scavalcando i nostri risultati organici e prendendosi una parte dei nostri clienti con un piccolo investimento, arrivando in cima alle classifiche e superandoci nonostante i nostri sforzi ad essere posizionati ai primi posti per le ricerche organiche degli utenti.

Guardandola in quest’ ottica sembra utile (oltre che logico) scommettere e fare puntate alte per le ricerche relative al proprio brand, in vista del fatto che gli utenti che cercano per il proprio brand sono quelli che molto più probabilmente porteranno ad una conversione.

Quindi è importante essere sicuri che si stia spendendo il giusto per essere in cima per le ricerche con il nome brand, il che significa che è utile spendere un budget sostanzioso per le ricerche correlate al brand. Tenendo comunque conto del fatto che non è necessario puntare oltre il necessario per le parole chiave del proprio brand.

Programmare gli annunci

 

Probabilmente non sono molti gli inserzionisti che utilizzano la funzionalità di AdWords a livello di campagna per gestire il calendario della pubblicazione degli annunci. Anche questo è un errore abbastanza comune, che potrebbe comunque far evitare spese inutili focalizzando l’attenzione sul target e sull’ora del giorno appropriati per mostrare i propri annunci. Infatti conoscendo al meglio il comportamento dei propri clienti è possibile conoscere e sapere come gli utenti cercano alcuni prodotti o servizi specifici.

Quindi la gestione del calendario per la pubblicazione degli annunci permette di identificare alcune ore del giorno o della settimana nelle quali è più utile e redditizio mostrare i propri annunci.

Un consiglio potrebbe essere quello di guardare anche da Google Analytics qual è l’ora del giorno e quali i giorni della settimana nei quali il proprio sito web o le pagine interne ricevono maggiore traffico, in questo modo potendo fare scelte più appropriate e mirate per la programmazione dei propri annunci.

E’ inoltre possibile configurare un auto puntatore (grazie alle funzionalità di AdWords) che permette di incrementare o diminuire le offerte per giorni o ore del giorno specifici.

La programmazione degli annunci in base all’orario e ai giorni che più corrispondono al comportamento di ricerca e alle proprie esigenze è un ottimo modo per risparmiare sulla pubblicazione degli annunci, evitando di sprecare budget inutilmente.

Conoscendo AdWords più approfonditamente, quindi, è possibile limitare i costi derivanti dalla pubblicazione degli annunci, e quindi ottenere il massimo dai propri investimenti.

Grazie per un +1 o per un like se l’articolo è risultato utile ed interessante. O per maggiori informazioni, puoi contattarmi o richiedere una consulenza seo & Web Marketing

9 risposte a “Guida a Google AdWords: Come Funziona e Come Ottimizzare una campagna PPC”

  1. Articolo veramente interessante. Il ppc sono un strategia fondamentale negli ecommerce. Alcuni aspetti della strategia per utilizzarli mi erano chiari.
    Rimarro in ascolto per altri interessanti spunti.

    1. ciao alessandro, sono contento ti sia stato utile 🙂 ottimizzare le campagne cpc è molto importante, e abbassare i costi per migliorare il roi è una strategia fondamentale nell’online marketing

  2. Ottimo articolo, perfetta analisi circa il funzionamento del servizio AdWords.
    Da appassionati del settore ci piacerebbe conoscere la tua opinione circa le recenti modifiche apportate al servizio.
    In particolare l’elemento che ci sembra maggiormente determinante nella modifica grafica riguarda il cambio cromatico degli annunci evidenziati che sono passati dal giallo al verde.
    Crediamo che la mossa sia chiaramente determinata a confondere chi sta osservando la serp e far percepire il link di annuncio come un normale risultato per quindi aumentare totalmente il valore del servizio (più clic=servizio più appetibile da vendere).
    Abbiamo elaborato un breve articolo con una analisi in merito, ci farebbe piacere un tuo giudizio:
    Saluti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *